Organizzazione convegni e Decreto Rilancio, trasformazione culturale in atto

Chiara Mencarelli

Organizzazione convegni e Decreto Rilancio, trasformazione culturale in atto

I professionisti del settore organizzazione convegni hanno finalmente visto approvare il Decreto Rilancio, il tanto atteso provvedimento per sostenere l’economia italiana nella fase 2.
Il presidente Conte ha annunciato l’arrivo del bonus vacanza fino a 500 euro per famiglie con Isee inferiore a 40 mila euro.
Il governo ha inoltre annunciato un Fondo strategico per il turismo da 150 milioni più 20 milioni destinati alla promozione.

Tassazione e protocollo per la sanificazione

La Tosap non verrà applicata per bar e ristoranti e non si pagherà la prima rata Imu per strutture ricettive e stabilimenti balneari.

L’agenzia Ventievènti, specializzata nella realizzazione di eventi business e aziendali, ha intervistato una collaboratrice portavoce del settore, la docente e formatrice per l’Ospitalità Chiara Mencarelli, che dal 2019 è in carica come Presidente per l’Umbria dell’Associazione Direttori Albergo.

Hotel entrance

“Le procedure di sanificazione impattano enormemente sul conto economico di un hotel, fra DPI, gel disinfettanti, macchinari impiegati, eccetera.
Ben vengano i fondi stanziati per le strutture alberghiere, purché  concertati con piani e interventi ad ampio respiro da parte degli enti amministrativi.”.

Gli albergatori, coordinati da Federalberghi, Confindustria ed Assohotel, non erano rimasti ad aspettare, ma avevano provveduto a stilare un documento recante nuovi protocolli per l’ospitalità.
Avevano così deciso di attingere al documento emanato dall’OMS a fine marzo per poi declinarlo alle esigenze del contesto ricettivo italiano.

Riorganizzare i reparti nell’organizzazione di convegni

Il prossimo step? Riorganizzare internamente  i vari reparti  per poter garantire condizioni di sicurezza e benessere a tutti gli attori del meraviglioso mondo dell’hotellerie: clienti, personale, i fornitori.

La dott.ssa Mencarelli precisa che l’Italia è percepita a livello mondiale come una nazione che da sempre offre un’ospitalità valorizzata proprio dal livello della pulizia.
Pertanto le strutture italiane, anche quelle minori, presentano già una radicata cultura dell’igiene dovendo sottostare alle normative HACCP e non solo.

Organizzazione convegni

Entrando nello specifico degli eventi M.I.C.E. (Meetings, Incentives, Conferences and Exhibitions) è logico che gli hotel siano chiamati a rivedere i propri spazi congressuali.

Le distanze fra le sedute, l’utilizzo dei sistemi di aerazione, la regolazione degli accessi e la regolare sanificazione saranno fondamentali.

C’è da aspettarsi che saranno favoriti gli ambienti dotati di luce naturale con possibilità di aprire le finestre per un naturale ricambio d’aria.

“Sono fiduciosa – conclude Chiara Mencarelli –  che il settore dell’organizzazione convegni ripartirà con una nuova consapevolezza che porterà enormi vantaggi, anche per gli addetti ai lavori.”

Un profondo cambiamento culturale

“Si è innescato un profondo cambiamento culturale che ci spinge a maggior rispetto dell’igiene nel rapporto con gli altri.
Ci sarà maggiore attenzione da parte delle strutture di organizzazione convegni nel momento del coffee break e del light lunch anche dagli stessi partecipanti.
La storia ci insegna che ogni crisi porta un nuovo approccio alla vita… Questo costituirà in ciascuno di noi un’attenzione speciale in grado di contrastare la diffusione di qualunque tipo di virus, non soltanto del Covid-19”.

Dopo aver affrontato il tema organizzazione convegni torneremo ad intervistare presto la dott.ssa Mencarelli, focalizzandoci la prossima volta sul settore turistico alberghiero della regione Umbria.
Continuate a seguirci.

Ufficio Stampa 20Evènti

posta un commento