Le linee guida per la ristorazione da seguire dopo il coronavirus

linee guida ristorazione dopo il coronavirus

Le linee guida per la ristorazione da seguire dopo il coronavirus

Alla scoperta delle linee guida per la ristorazione per riaprire dopo il Covid-19

Chi sta vivendo il 2020, se lo ricorderà a lungo. Questo a causa dell’emergenza coronavirus che lo ha reso indimenticabile. E per molti purtroppo è davvero indimenticabile ma non in senso positivo.

Soprattutto per il mondo della ristorazione. Il lockdown voluto a tutti i costi dal Governo Conte, resosi necessario per l’alta diffusione del virus ha infatti messo in ginocchio molte attività di questo settore.

Ma i ristoratori e le agenzie di catering non si sono arrese e si apprestano a riaprire seguendo le nuovissime linee guida per la ristorazione. Linee guida che la Conferenza Stato Regioni ha finalmente ufficializzato lo scorso 9 giugno e che sono consultabili nella sua interezza cliccando qui.

In questo modo potrai tornare a gustare i tuoi o piatti preferiti ai ristoranti oppure tornare ad organizzare cene fra amici o eventi privati. Queste linee guida riguardano infatti soprattutto tutte quelle occasioni conviviali e di festa in cui di solito si mangia insieme ad altre persone come buffet e simili.

D’altronde il coronavirus esiste, ma non per questo gli eventi privati devono scomparire così come la ristorazione ad essi collegata.

Pronto quindi ad immergerti nella loro lettura?

Quali attività dovranno osservare le nuove linee guida per la ristorazione?

Le linee guida per la ristorazione verranno applicate ad ogni tipo di esercizio di somministrazione di pasti e bevande. Qui de seguito, per la tua gioia, facciamo quindi un elenco di tutte quelle attività che le dovranno applicare:

  • ristoranti,
  • trattorie,
  • pizzerie,
  • self-service,
  • bar,
  • pub,
  • pasticcerie,
  • gelaterie,
  • rosticcerie (anche se collocati nell’ambito delle attività ricettive),
  • catering (in tal caso, se la somministrazione di alimenti avviene all’interno di una organizzazione aziendale terza, sarà necessario inoltre rispettare le misure di prevenzione disposte da tale organizzazione).

Quindi si, hai capito bene. Potrai tornare ad affidarti a servizi di catering per organizzare qualche evento privato che ti sta particolarmente a cuore. Ad esempio potrai festeggiare il tuo compleanno, oppure l’anniversario di qualche data importante.

Certo non stiamo dicendo che le cose saranno esattamente come prima. Però potrete comunque fare tutta una serie di cose che magari a causa del coronavirus non pensavate di poter fare più. Anzi, potete addirittura tornare a rivolgervi ad agenzie di organizzazione di eventi come la nostra!

Clicca qui per organizzare il tuo evento!

A questo punto però è venuto il momento di analizzare le nuove linee guida per la ristorazione, se non altro anche per farci un’idea di come potrebbero cambiare gli eventi che organizzeremo nel corso del 2020-21.

Le nuove linee guida comuni per tutte le attività

Nelle nuove linee guida per la ristorazione sono contenute delle disposizioni comuni a tutte le varie attività ed altre che invece sono più specifiche per la ristorazione. Cominciamo la nostra analisi a partire dal quelle comuni.

Un po’ tutte le attività dovranno:

  • Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, anche in altre lingue oltre all’italiano;
  • Rilevare la temperatura corporea degli utenti all’ingresso, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
  • Rendere disponibili prodotti per l’igienizzazione delle mani per i clienti e per il personale anche in più punti del locale. Questo significa che d’ora in poi sarà normale trovarsi distributori con prodotti igienizzanti all’entrata e in prossimità dei servizi igienici.
  • Sarà impossibile trovare riviste e materiale informativo di uso promiscuo.
  • Il personale di servizio a contatto con i clienti deve utilizzare la mascherina. Sarà stranissimo vedere il personale di servizio durante gli eventi indossare una mascherina di protezione. Ma non lo faranno con scopi malavitosi, staranno solo seguendo le nuove linee guida per la ristorazione.
  • Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni.
  • La postazione dedicata alla cassa potrà essere dotata di barriere fisiche.
  • Inoltre si dovrà favorire modalità di pagamento elettroniche, possibilmente al tavolo.

Certo queste disposizioni come è facile intuire stanno cambiando già profondamente il mondo della ristorazione e degli eventi.

Ma non impediscono di certo la loro organizzazione.

Se quindi vuoi essere sicuro di fare le cose fatte per bene ti consigliamo di rivolgerti a degli esperti organizzatori di eventi come noi cliccando qui!

Le nuove linee guida per la ristorazione

Le linee guida rivolte più marcatamente alla ristorazione sono invece le seguenti:

  • Le attività di ristorazione con posti a sedere dovranno privilegiare l’accesso tramite prenotazione. Inoltre dovranno conservare l’elenco dei soggetti che hanno prenotato per un periodo di 14 giorni. Almeno per questa prima linea guida, la differenza rispetto al pre coronavirus non è molta!
  • In quegli esercizi che non dispongono di posti a sedere invece, andrà consentito l’ingresso solamente ad un numero limitato di clienti. Questo per favorire il mantenimento della distanza di sicurezza di 1 metro. Sostanzialmente quindi non si creeranno più assembramenti all’interno di locali e questo, in alcuni casi, potrebbe essere addirittura un vantaggio rispetto a prima.
  • Le attività di ristorazione che dispongono di spazi esterni come giardini, terrazze e simili dovranno privilegiare l’utilizzo di questi spazi. Questa è una bellissima notizia per chi dispone di questo tipo di aree… anche perché con il caldo che farà quest’estate davvero vorreste organizzare cene al chiuso?
  • In ogni caso i tavoli dovranno essere disposti in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.
  • Stesso discorso del rispetto della distanza di un metro anche per le consumazioni al banco.
  • Come prevedibile, i clienti dovranno indossare la mascherina tutte le volte che non sono seduti al tavolo.
  • Infine, al termine di ogni servizio al tavolo andranno previste tutte le consuete misure di pulizia e disinfezione delle superfici. Il nostro consiglio è quello di evitare il più possibile utensili e contenitori riutilizzabili se non disinfettabili (saliere, oliere, ecc). Per i menù invece vin consigliamo di favorire la consultazione online sul proprio cellulare, o predisporre menù in stampa plastificata, e quindi disinfettabile dopo l’uso, oppure cartacei a perdere.

Come funzioneranno invece i buffet?

Se hai in mente di organizzare eventi e feste private, la parte delle linee guida dedicata ai buffet ed ai catering è fondamentale. E se stai visitando questo sito web probabilmente questo è quello che ti interessa di più.

Cominciamo subito col dirti che sarà possibile organizzare eventi con modalità buffet con somministrazione di cibo e bevande da parte di personale incaricato. In ogni caso comunque, sia che partecipanti all’evento che incaricati al servizio dovranno mantenere la distanza di un metro ed indossare la mascherina.

Quello che influirà pesantemente sono le norme che riguardano la modalità self-service. Questa infatti potrà essere consentita solo per buffet realizzati esclusivamente con prodotti confezionati in monodose. Inoltre la distribuzione degli alimenti dovrà avvenire con modalità organizzative che evitino la formazione di assembramenti anche attraverso una riorganizzazione degli spazi in relazione alla dimensione dei locali.

Conclusioni

Bene, come avrai capito se hai letto fino a questo punto, non dovrai rinunciare ad organizzare il tuo evento a causa delle nuove linee guida per la ristorazione. Certo, potresti andare incontro a più difficoltà in fase di organizzazione della tua cena o festa privata, ma non è questo il punto. Cerchiamo di essere positivi  quindi e di guardare al futuro!

Per questo se hai bisogno di organizzare un evento non devi esitare a contattarci!

 

posta un commento